I CAVALLI

 
  homepage
homepage
  RAZZE EQUINE  
     
         
 
     LE RAZZE
 
Maremmano

Il cavallo Maremmano ieri

"Il cavallo Maremmano ha comunemente la taglia da sella, è molto robusto e bravo ed ha grandissimo coraggio, dappoiché non si ricusa a qualunque cimento, come il saltar fossi e siepi altissime, gravemente bardato, correr dappertutto e prestarsi alle esigenze di chi vuol profittarne nell'esercizio della caccia, ecc."

"Lo stallone deve essere........ (omissis)
grande di statura, quadrato, morello o baio senza degradazione di segni e di balzane, deve avere una bella superba crinatura, aspetto maschio, occhi grandi e rilucenti, ampio petto e ampia groppa, membranute forme, ben nodato, stinco breve, tendine staccato, formidabili garretti, non diritti né bassi e giunte corte.
A questo scelto e bello esterno devono andare unite le buone qualità interne: dovrà quindi essere sano, schietto, allegro, generoso, pieno di fuoco e di elasticità, mangiatore e ben educato".

(Da una memoria del colonello Tommi Bruschirei, apparsa nel 1860)

 

Il cavallo maremmano oggi

                           Monaco, stallone nato nel 1980, da Treviso e N.Sterlina

La storia del cavallo Maremmano si perde nella notte dei tempi e le prime testimonianze sulla presenza di popolazioni cavalline lungo il litorale tirrenico risalgono alla civiltà etrusca.
Il cavallo Maremmano trae probabilmente origini da queste popolazioni influenzato poi, nel corso dei secoli, dall'incrocio con diversi tipi genetici.
Sorvolando sulle ipotesi delle lontane origini e degli influssi di sangue che hanno contribuito alla sua evoluzione, va ricordato come nel XVI secolo sia nello Stato Pontificio che nel Granducato di Toscana era notevole l'interesse per questo cavallo.
Lo Stato Pontificio preferiva cavalli di grande mole e robustezza e di mantello scuro adatti anche al tiro delle carrozze, mentre i toscani si orientavano verso cavalli bai e più leggeri, con maggiori caratteri orientali e andalusi.
Come tutte le razze equine, anche il Maremmano ha poi subito numerose modificazioni dettate essenzialmente dalle esigenze lavorative, belliche e alimentari dell'uomo rischiando, negli anni seguenti la seconda guerra mondiale, persino l'estinzione.
Grazie alla volontà degli allevatori toscani e laziali è però riuscito a mantenere la propria identità e ha garantirsi un futuro con la fondazione dell'Associazione di Razza e la creazione del Libro Genealogico.

Arriviamo quindi alla storia più recente del cavallo Maremmano quando un attento e complesso lavoro di ricostruzione genealogica ha permesso di ricondurre tutta la popolazione iscritta nel Libro Genealogico a quattro stalloni attualmente riconosciuti come capostipiti della razza: Otello (Maremmano nato nel 1927), Aiace (Purosangue inglese, 1926), Ussero (razza Moscati, degli anni '20) e Ingres (Purosangue, 1946).
Il Maremmano è un cavallo da sempre allevato allo stato brado in condizioni ambientali spesso difficili e che, anche per questo, ha conservato nel tempo doti di rusticità e frugalità.
Versatile e affidabile è il compagno indispensabile dei butteri per il governo dei bovini, ma è anche un cavallo sportivo capace di raggiungere risultati di rilievo nelle competizioni.
Per tutti basta ricordare Ursus del Lasco (da Mirtillo), allevato all'Alberese, con cui Graziano Mancinelli vinse gare internazionali e anche la Coppa delle Nazioni allo CSIO di Piazza di Siena di Roma e di Barcellona, ma sono molti di più i risultati importanti ottenuti anche da altri soggetti maremmani.
Il cavallo Maremmano è oggi un cavallo da sella che trova impiego a trecento sessanta gradi.
Pur rappresentando la cavalcatura ideale dei butteri, eccelle sia nell'equitazione da diporto, trekking e passeggiate, che in quella sportiva dove è in grado di competere alla pari con la produzione nazionale.
Nelle gare di Monta da lavoro Rondinella (da Universo) ha infatti riportato successi a livello Europeo e Mondiale, mentre nel salto ostacoli nel 2000, lo stallone Eschilus è stato uno dei migliori soggetti di cinque anni della stagione ottenendo sia il secondo posto nella Finale del Trofeo Unire di Salto Ostacoli di Verona che il terzo posto nel Circuito d'Eccellenza Fise davanti a soggetti stranieri dalle altisonanti origini.
Il cavallo Maremmano vanta però un primato assoluto.
E' stato infatti il primo cavallo da sella selezionato in Italia attraverso i più moderni criteri come gli Indici Genetici e il Performance Test.
I primi risultati di questa importante opera di selezione sono sotto gli occhi di tutti e anche per questo il cavallo Maremmano è un cavallo che guarda al futuro con grandi prospettive.

I Capostipiri

Linea Otello 

Otello nacque nel 1927 nell'allevamento dei principi Del Drago. Baio, di statura elevata, è il capostipite della linea di gran lunga più importante, sia come storia che come numero di stalloni in selezione. E' lo stallone di indiscussa origine Maremmana. Da Otello nacque Silvano (1943), e da tre figli di Silvano (Questore, 1948; Beccaccino, 1953; Indomito, 1964) discendono tutti gli stalloni di questa linea oggi in selezione. 

Linea Aiace 

Aiace è il capostipite della seconda linea per importanza, relativamente al numero dei riproduttori selezionati giunti fino ai nostri giorni. Purosangue Inglese nato nel 1926 da Giambellino e Susquehanna, baio, altezza m. 1,62. Diede origine agli stalloni Limone (1940) e Salento (1947). Tutti gli stalloni attualmente in selezione discendono da Salento e da due figli di Limone (Rovo, 1946, e Rastrello, 1947). 

Linea Ingres

Ingres, Purosangue Inglese nato nel 1946 da Nicolò dell'Arca e Jacomette, era un baio alto m. 1,74. Gli stalloni appartenenti a questa linea discendono da due figli di Ingres nati entrambi nel 1961: Mirtillo e Muschio. La linea di Ingres è in fase decisamente espansiva, ed ha, per numero di stalloni attualmente in selezione, superato la linea di Ussero. 

Linea Ussero 

Ussero proviene dalla "razza" Moscati. Gli stalloni attualmente in selezione discendono da Faro e Parigi, figli di Tiberio, nato nel 1950, uno stallone funzionante nell'allevamento dei principi Torlonia. Tiberio era figlio di Eolo (1934) nato dal capostipite Ussero. 

Linee minori

Le tre linee minori sono quelle di Le Brun, Noris e Ognon. Le Brun era un Purosangue Inglese nato nel 1960 da Doutelle e Loch Clair, Noris un Purosangue Inglese nato nel 1961 da Jaddo e Nerville, ed Ognon un Purosangue nato nel 1964 da Alipio e Orifiamma. 

Dati presi dal libro "Il Maremmano" di Giuseppe Bonavolontà e Maurizio Silvestrelli, Edizioni Equestri, 1989.

Fonte: Associazione Nazionale Allevatori Cavallo di Razza Maremmana

Sito: www.anamcavallomaremmano.com

Email: anam@gol.grosseto.it - info@anamcavallomaremmano.com 

 
 
 
 

    
 
     
 
Seguici su FaceBook e YouTube  
APPENNINO a CAVALLO - Associazione Culturale iscritta al n. 8291 del 6/3/2013 del Tribunale di Bologna - Police Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Nelle Regioni: Abruzzo | Basilicata | Calabria | Campania | Emilia Romagna | Lazio | Liguria | Marche | Molise | Puglia | Sardegna | Sicilia | Toscana | Umbria |